Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Poetry Therapy Italia

020 recensione2 bisutti

Maurizio Cucchi cura una raccolta di poesie dall’antica Grecia ai nostri giorni che racconta in pochi versi o in strofe più distese il vivere così com’è, col suo respiro bello e spensierato o col tono più malinconico di chi sente il tempo e l’età fuggire via.

Il libro si inserisce – e anzi ne è un capostipite  –nella linea editoriale di testi che selezionano poesie che abbiano un certo respiro “curativo”, perché toccano – più o meno consapevolmente – tasti/testi dell’animo che vengono feriti dalla vita a vario titolo. Che la parola bene-detta sia curativa è cosa nota dai tempi della Bibbia, ma è bello vedere che anche in Italia ci sia il desiderio di guardare ai versi come ad uno strumento privilegiato di intervento sulle pieghe/piaghe dell’animo umano.

cover cucchi 110poesieApre Alceo e chiude Antonio Porta, passando dai nomi più celebri e riconosciuti dal grande pubblico, da Saffo a Rudel, da Poliziano a Keats, passando per Machado, Sbarbaro, Eluard, Bertolucci e Raboni. Per dire anche che i poeti non sono uomini e donne chiusi in stanze tristi e buie che soffrono e godono dello scrivere versi malinconici e struggenti. Esiste una profonda spinta alla vita, alla speranza e alla resistenza davanti alle tempeste dei giorni comuni. Esiste uno sguardo stupito che sorride dei gesti di gentilezza, dell’accoglienza sincera. Questa è la galleria di opere antologizzate, che marcano un’umanità semplice e desiderosa di luce e felicità. E che chiama alla vita tutti i lettori, tutti quanti, perché tutti condividiamo il fatto che reagiamo a ciò che succede, sentiamo il carico delle parole, ci facciamo influenzare dai significati delle frasi. Le lettere hanno ciascuna il loro peso “corporeo”, quindi vanno a farsi sentire non solo all’orecchio, ma a tutto l’organismo che le assume. Come ci preoccupiamo di ciò che ingeriamo a tavola dai piatti, così dovremmo aver cura di ciò che ascoltiamo e leggiamo nei libri, perché quello sarà sostanza del nostro vivere.

Un libro quindi che, come una sorta di piccolo breviario letterario, accompagna le giornate di ognuno e che offre con le parole dei grandi poeti di tutti i tempi il conforto della poesia, non banale palliativo agli inciampi del quotidiano, ma riflessione verticale sull’esistenza e sulle sue prospettive ultime.

Visto l’anno di pubblicazione (2004) siamo agli inizi di un discorso di poetry therapy, peraltro inconsapevole, ma è utile notare che questa raccolta potrebbe essere usata in pratiche terapeutiche, ora consapevoli, per verificarne l’efficacia. E questa è una storia ancora da scrivere.

110 poesie per sopravvivere, scelte e presentate da Maurizio Cucchi, Guanda, 2004

 

 


 

giacomo nucciGiacomo Nucci insegna lettere alla scuola secondaria di 1° grado dopo la laurea in Lettere Classiche in Statale di Milano. Dal 2009 fa teatro e dal 2013 teatro-poesia, sotto la guida di Dome Bulfaro. Ha pubblicato una raccolta di poesie, Sabbie e sorgenti, nel 2013 con Steber Edizioni. Dal 2017 è membro del gruppo editoriale e di ricerca Millegru, con cui ha pubblicato Così va molto meglio. Nuove pratiche di Poetry Therapy e con cui pratica poesia ad alta voce, laboratori per bimbi, massaggio poetico con donne incinte e con adulti.
» La sua scheda personale.